Direttivo AIT. Fuori il Comune di Sansepolcro

Solo chi si allinea con la maggioranza merita di ricoprire certi ruoli?

Solidarietà del Forum Toscano dei Movimenti per l’Acqua al Comune di Sansepolcro, e all’Assessore Gabriele Marconcini, in particolare, esautorato dal Direttivo dell’Autorità Idrica Toscana.

Giovedì 5 ottobre, in occasione dell’elezione del nuovo Presidente dell’AIT, assolutamente scontata nei risultati, si è proceduto anche ad un “rinnovo” del Direttivo: ciò ha portato all’estromissione del Comune di San Sepolcro, divenuto troppo scomodo per la maggioranza PD.

In effetti, nell’ultimo periodo il partito di maggioranza della nostra regione si trova in serie difficoltà: ha perso, nell’ambito del suddetto organo collegiale, i Sindaci di Livorno, Arezzo e San Sepolcro, prima, e più recentemente i Primi Cittadini di Grosseto, Pistoia e Carrara.

Per mantenere un governo ferreo in sede di Direttivo, dunque si è visto bene di correre ai ripari, mirando a eliminare i Comuni che sfuggono al controllo. Per la Conferenza Territoriale n.1 “Toscana Nord” si sta temporeggiando ma l’obiettivo pare quello di far fuori il neo Sindaco 5 Stelle di Carrara. Mentre nell’area della Conferenza Territoriale n.4, dove Nuove Acque gestisce il servizio idrico, si è passati alle vie di fatto: la Conferenza Territoriale dell’Alto Valdarno, costituita da 36 Comuni, non è stata infatti neppure convocata, e la decisione sulla nomina di un altro Comune al posto di Sansepolcro è stata presa dai Sindaci presenti in AIT: Arezzo, Foiano della Chiana, Laterina, Montepulciano.

Come non bastasse, alla denuncia del governo di Sansepolcro, Il PD locale ha replicato attaccando duramente Marconcini, Assessore delegato dal Sindaco a rappresentarlo nel Direttivo AIT, tacciato di non essere stato all’altezza del compito. La verità è che a diversi Sindaci della Conferenza Territoriale 4 , avvezzi ad  eccepire poco o mai sulle scelte  calate dall’Autorità Idrica, di sicuro non è piaciuto l’atteggiamento  critico  e  spesso dissenziente  del rappresentante  del Comune di Sansepolcro verso talune scelte: dagli  aumenti tariffari alla spartizione degli utili, dalla pratica dei distacchi ai  piani d’investimento, al disciplinare dei gestori e, cosa  più grave di tutte, alla  proroga della concessione a Nuove Acque. In altri termini non è piaciuta una marcata discontinuità rispetto a chi in quel ruolo lo aveva preceduto, discontinuità segnata da azioni positive per l’interesse dei cittadini e del bene comune, estremamente sgradite invece ai maggiorenti di Gestore e AIT. Questi ultimi, per i ruoli che contano, preferiscono rappresentanti usi al più ad accennare un qualche dissenso ma lesti a ripiegare sul più comodo “vorrei ma non posso”.

Allora, nella democratica regione Toscana, chi si batte contro l’attuale modello di gestione del servizio idrico, per il rispetto quindi dell’esito referendario, per una gestione pubblica e senza profitti, vicina agli Enti Locali e partecipata dai cittadini, viene sbattuto fuori?

10 ottobre 2017     Comitato Acqua Pubblica Arezzo e  Forum Toscano dei Movimenti per l’Acqua

 

 

Learn more »
Commenti disabilitati su Direttivo AIT. Fuori il Comune di Sansepolcro

ACQUA , UN CAPITALE NATURALE DA DIFENDERE

Il convegno su “ACQUA , UN CAPITALE NATURALE DA DIFENDERE” è promosso dal M5S ad Arezzo. Si terrà il giorno 20 Ottobre  alle ore 21 presso la Borsa Merci .

Parteciperanno :
Il Prof Emanuele Lobina docente della Greenwich University;
L’On. Federica Daga Deputata del M5S ;
Giacomo  Giannarelli  capogruppo M5S in Regione Toscana;
Paolo Lepri Consigliere Comunale M5S di Arezzo;
Nicola Ceravolo presidente CdS di A.S.A. SpA Livorno
Gianfranco Morini presidente del Comitato Acqua Pubblica Arezzo
Learn more »
Commenti disabilitati su ACQUA , UN CAPITALE NATURALE DA DIFENDERE

Tariffe: Finalmente più equità con la tariffa pro capite.

Apprendiamo con soddisfazione che l’Autorità nazionale competente (AEEGSI) si appresta ad adottare, entro il 30 settembre, un provvedimento che va proprio incontro alle nostre aspettative con l’introduzione in via provvisoria , dal 1° gennaio 2018, per le utenze domestiche residenti, riguardo alla quota variabile del servizio di acquedotto, di una tariffa pro capite standard,  basata sulla autodichiarazione da parte degli utenti con cui i medesimi comunicano al gestore del numero dei componenti del proprio nucleo familiare. La delibera dell’AEEGSI disporrà inoltre che, dal 1° gennaio 2022, i gestori del servizio idrico applichino  un criterio  pro capite basato sulla effettiva numerosità dei componenti di ciascuna utenza domestica residente.
Siamo felici di aver contribuito con la nostra attività a questo primo parziale risultato, consapevoli che ci sono ancora altre problematiche da risolvere riguardo le modalità di gestione del servizio idrico, per far recuperare agli utenti  lo svantaggio accumulato negli anni rispetto ai gestori.
Oltre un anno fa il Comitato per l’Acqua Pubblica propose ai Consiglieri comunali del M5S eletti ad Arezzo e altri comuni della provincia  di presentare mozioni e/o atti di indirizzo che impegnassero i sindaci ad attivarsi in ogni opportuna sede perchè nella determinazione delle tariffe del servizio idrico integrato venisse applicato un metodo di ripartizione dei costi più equa  introducendo un sistema tariffario che, per le utenze domestiche residenti, tenga conto del numero dei componenti il nucleo familiare, assegnando cioè  scaglioni di consumo e relativi prezzi non “per utenza” ma  “per componente” del nucleo familiare servito.
Questa mozione venne presentata ad Arezzo dai due consiglieri del M5S , Ricci e Lepri, e successivamente discussa e approvata.
Esito positivo ebbero anche le mozioni presentate a Foiano, Montevarchi, Sansepolcro e Anghiari.
Voto contrario invece nei comuni di Cortona e Civitella Val di Chiana.
Da allora grazie all’impegno del Comitato e alla disponibilità riscontrata nella stragrande maggioranza degli eletti del M5S in tanti altri comuni della Toscana , quella mozione è stata presentata, approvata e, purtroppo, talvolta bocciata, ma comunque discussa.
Tra i comuni toscani “benemeriti” sono senz’altro da annoverare quelli di Chianciano Terme, Montepulciano, Grosseto,Capalbio, Bagno a Ripoli e Piombino.
Ottusamente contrari purtroppo quelli di Firenze, Siena, Sovicille, Castelnuovo Berardenga, Monteriggioni, Colle Val D’Elsa, Campi Bisenzio e Monsummano Terme.
Ma l’azione avviata ad Arezzo non si è fermata e grazie alla fattiva collaborazione con gli eletti del M5S la mozione per una tariffazione più equa è stata depositata per la discussione nei consigli comunali di: Reggello, Scandicci, Prato, Signa, Cavriglia, Poggibonsi, Pietrasanta, Carmignano, Serravezza, Sinalunga, Cecina, Pitigliano, Montemurlo, Chiusi, Vinci, San Giuliano Terme, Rosignano, Cerreto, Montecatini e Cascina.
Grazie a tutti i rappresentanti del M5S che si sono adoperati e  tuttora si  adoperano per affermare il diritto degli utenti ad una tariffa equa e alla gestione pubblica e partecipata dell’acqua.
Arezzo, 02/09/2017
Gianfranco Morini – Presidente pro-tempore del Comitato Acqua Pubblica Arezzo
Learn more »
Commenti disabilitati su Tariffe: Finalmente più equità con la tariffa pro capite.

Il Consiglio di Stato respinge il ricorso sulla tariffa dell’acqua

La mobilitazione continua

Il 26 maggio u.s. è stata diffusa la sentenza del Consiglio di Stato con cui si stabilisce che il ricorso promosso dal Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua e Federconsumatori contro il metodo tariffario del servizio idrico elaborato dall’Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico non è stato accolto.

La pronuncia, in sostanza, conferma la tesi, già fatta propria dal TAR Lombardia, secondo cui la copertura dei costi del servizio comprende anche il costo del capitale proprio investito, giustificando tale scelta con il fatto che l’orientamento pressoché generale della scienza economica fa rientrare nella nozione di “costo” anche quello di “costo-opportunità”, nel senso del valore del mancato impiego del fattore produttivo in altra attività comunque profittevole.

A questo punto, però, il Consiglio di Stato, dimentica di rilevare, o fa finta di non comprendere, che, sulla base della normativa e della stessa teoria economica dominante, questa nozione di “costo economico” equivale nella sostanza alla remunerazione del capitale investito abrogata con il referendum.

Purtroppo l’impianto di questa sentenza è quello, tutto ideologico , della sentenza di 1° grado del TAR di Milano , quindi ci tocca prendere atto che, in questo nostro sgangherato Paese, la lettura prodotta dagli organi di Giustizia Amministrativa ripropone l’assunto per cui il servizio idrico è sottoposto alle logiche del mercato e del profitto in spregio alla volontà popolare.

Ci teniamo a denunciare la gravità di questa decisione in quanto s’inserisce in quel solco segnato sin dopo la vittoria referendaria che, provando a ribaltarne gli esiti, tende a svilire gli strumenti stessi di democrazia diretta garantiti dalla Costituzione.
Di fronte a questa ingiustizia non alzeremo però bandiera bianca!
Come Comitato per l’Acqua Pubblica proseguiremo la mobilitazione e le campagne volte alla piena e reale attuazione degli esiti referendari, rivendicando con forza l’elevato significato politico e concreto della Campagna di Obbedienza Civile portata avanti con la riduzione delle bollette della quota pari alla remunerazione del capitale e quella per la ripubblicizzazione del servizio idrico.

Arezzo 30 Maggio 2017.

Comitato per l’Acqua Pubblica di Arezzo

Learn more »
Commenti disabilitati su Il Consiglio di Stato respinge il ricorso sulla tariffa dell’acqua

Comunicazione importante ai “disobbedienti civili”

Stante il protrarsi dell’attesa per la sentenza del Consiglio di Stato – in fortissimmo ritardo-  e in presenza di una accelerazione da parte di Nuove Acque che invia raccomandate di sollecito e diffida al pagamento, onde evitare che gli “obbedienti civili” ancora non colpiti da precedenti provvedimenti restrittivi vengano sottoposti ad azioni ritorsive quali la riduzione del flusso e l’addebito dei relativi oneri, il comitato propone di precedere provvedendo a “regolarizzare” la propria posizione  mediante versamento con bollettino di c/c postale  e l’invio a Nuove Acque del modulo di “dichiarazione di adesione con riserva di rivalsa”.

Alleghiamo testo 1 e testo 2 (da utilizzare a seconda se il pagamento avviene in unica soluzione o a rate) .
I suddetti moduli dal 15 Maggio saranno disponibili presso lo sportello che il Comitato tiene il LUNEDI’ POMERIGGIO e il MERCOLEDI’ MATTINA ad Arezzo presso la sede del Centro Enrico Berlinguer in Largo 1° Maggio 80 (zona Pescaiola).
Learn more »
Commenti disabilitati su Comunicazione importante ai “disobbedienti civili”