Si infiammano i rapporti tra Nuove Acque e il comitato Acqua Pubblica

Presentati ricorsi d’urgenza ex art.700: la parola alla magistratura

Oggi pomeriggio il  presidente del Comitato Acqua Pubblica, accompagnato da 4 cittadini-utenti ai quali Nuove Acque, tra ieri pomeriggio e stamani ,  aveva proceduto a sospendere  la fornitura dell’acqua ritenendo indebitamente di gestire come morosità  le deduzioni da essi effettuate all’atto del pagamento delle bollette- in osservanza  dell’esito del referendum del giugno 2011- per sporgere formale denuncia ai Carabinieri per interruzione di pubblico servizio avvenuto in danno dei 4 suddetti utenti, in violazione della Legge N° 221/2015  che dispone che venga comunque garantito , anche ai morosi, un quantitativo minimo vitale di acqua necessario al soddisfacimento dei bisogni fondamentali.

Tale iniziativa si è resa necessaria alla luce del fatto che, nonostante il deposito  dell’ esposto alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Arezzo, al Prefetto e al Sindaco, effettuato venerdì 25  marzo, la società di gestione ha comunque proceduto ad eseguire le minacciate sospensioni totali di erogazione d’acqua alle utenze domestiche residenti.
L’odierna denuncia va quindi ad aggiungersi all’esposto già presentato in Procura venerdì e ai due ricorsi d’urgenza (ex Art.700) che ieri sono stati presentati  al Tribunale di Arezzo dal legale di altri due utenti “distaccati”.
In questo momento ci sono 6 famiglie aretine , impropriamente considerate morose, a cui illegittimamente è stata tolta l’acqua.
Oltre ai Carabinieri ,dello sprezzante  comportamento del gestore, è stato reso edotto il Sindaco Ghinelli.
Domani  alle 9,30 una  delegazione del Comitato seguirà l’evolversi della situazione  direttamente davanti alla sede del Tribunale.
 Per il Comitato Acqua Pubblica Arezzo: Gianfranco Morini
Learn more »
Commenti disabilitati su Si infiammano i rapporti tra Nuove Acque e il comitato Acqua Pubblica