Appello alle forze politiche aretine.

Appello alle forze politiche aretine.
Commenti disabilitati su Appello alle forze politiche aretine.

Come Comitato per l’Acqua Pubblica di Arezzo abbiamo cercato  in più occasioni, negli ultimi 15  giorni, di portare a conoscenza delle istituzioni cittadine, attraverso comunicati e pubbliche denunce  su testate web,  TV  e stampa locale, del  fatto che Nuove Acque sta procedendo, di fatto, a sospendere l’erogazione dell’acqua  agli utenti considerati  morosi.

Questo avviene mediante l’introduzione di un dischetto con un foro millimetrico all’ingresso del contatore  che consente tuttalpiù all’utente di poter riempire poco più di un bicchiere d’acqua ogni 3 o 4 ore.

Con tale modalità Nuove Acque pretenderebbe  di applicare la normativa vigente che invece stabilisce l’obbligo per il gestore di assicurare, agli utenti morosi,  un flusso significativamente  ridotto di acqua  ma capace comunque  di garantire alle persone il fabbisogno quotidiano necessario  per l’uso domestico: bere-lavarsi-cucinare- utilizzare il WC , ecc. ecc.

Con l’introduzione di questo dischetto dotato di foro millimetrico (astrusamente denominato “lente idrometrica calibrata) all’interno del bocchettone del contatore, viene ridotto del 90% il calibro del tubo che porta acqua all’impianto dell’utente.

E’ evidente che con una simile “strozzatura” non può che determinarsi la totale sospensione dell’erogazione di acqua “a valle” , ovvero in casa dell’utente, in violazione delle norme vigenti, lasciandolo a secco.

Questo comportamento è un vero e proprio arbitrio degno di biasimo non solo da parte di chi, come il nostro comitato, affianca i cittadini nel contrasto di pratiche volte ad ignorare i loro diritti, ma che dovrebbe essere condannato e fermato da coloro che li rappresentano nelle pubbliche Istituzioni .

Abbiamo già segnalato la cosa all’Assessore Sacchetti, lunedì 20 u.s. e nello stesso giorno abbiamo chiesto all’Autorità Idrica Toscana di intervenire sulla società di gestione perché sospenda l’effettuazione di tale procedimento.

Purtroppo ad oggi  non ci risulta che qualcosa sia cambiato, viceversa abbiamo avuto notizia che anche nei giorni di martedì, mercoledì e giovedì scorsi si sono verificate sospensioni del servizio idrico , con quella stessa modalità.

Chiediamo alle forze politiche rappresentate nel Consiglio Comunale di voler incalzare il Sindaco e l’Assessore competente, con  interrogazioni urgenti, in occasione della prossima seduta del Consiglio Comunale, sollecitandoli ad intervenire presso Nuove Acque per fermare questa odiosa attività e convocare Azienda di gestione e Autorità Idrica Toscana perchè nei confronti delle utenze domestiche “morose” sia attuata una modalità  atta a limitare loro il flusso di acqua , ma nel rispetto delle norme vigenti.

Gianfranco Morini – Comitato Acqua Pubblica Arezzo