IL TAR NON ENTRA NEL MERITO E RESPINGE IL NOSTRO RICORSO CONTRO I RIMBORSI

IL TAR NON ENTRA NEL MERITO E RESPINGE IL NOSTRO RICORSO CONTRO I RIMBORSI BEFFA DEL 2013 CON TANTI SALUTI A CHI FIDAVA NELLA GIUSTIZIA !

Giusto un mese fa tre magistrati del TAR della Toscana, senza entrare nel merito della questione, hanno dichiarato inammissibile il ricorso che avevamo depositato il 4 gennaio 2014 a difesa del diritto degli utenti aretini di ricevere indietro 2,5 milioni di euro da Nuove Acque e di quello degli altri utenti toscani di riaverne un’altra decina. Soldi indebitamente pagati a titolo di remunerazione del capitale investito, nel periodo luglio-dicembre 2011, dopo cioè che tale componente era stata espunta dal metodo tariffario con il referendum abrogativo del giugno dello stesso anno.
Il ricorso si basava sul fatto che nell’ottobre del 2013 il Direttore Generale dell’Autorità di Ambito (A.I.T.), con l’avallo dei 13 Sindaci componenti il Consiglio Direttivo dell’Autorità medesima (organo in cui figuravano anche i primi cittadini di Arezzo e Sansepolcro), aveva di fatto decretato che i gestori toscani potevano trattenersi (e così fecero) quasi l’intero ammontare indebitamente incassato nel 2011 facendo sì che agli utenti venisse restituito solo il 6% di quanto loro spettava.
Ad esempio agli utenti di Nuove Acque tornarono indietro complessivamente 161.000 euro invece dei 2.533.000 dovuti . Una vera e propria beffa!

“INAMMISSIBILE PER DIFETTO DI INTERESSE ALL’IMPUGNAZIONE .”
E’ questa la motivazione con cui, a distanza di quattro anni , una terna di giudici amministrativi in vena di argomentazioni astruse ha respinto la richiesta tesa ad ottenere la riparazione del torto subito. Un torto che per i soli utenti di Nuove Acque vale qualcosa come 2,5 milioni di euro.
Per giunta i giudici, forse non ritenendo opportuno riconoscere ai ricorrenti la sussistenza dei giusti motivi del ricorso, hanno pure condannato Comitato e Forum per l’Acqua Pubblica al pagamento delle spese legali sostenute dalle controparti A.I.T. e Nuove Acque . Totale 5.000 euro.
Tranquilli ci frugheremo in tasca e li pagheremo, con difficoltà ma li pagheremo .
Di certo non faremo come fanno lorsignori quando perdono le cause e pagano le spese legali con i soldi incassati con le bollette dell’acqua pagate dagli utenti.

23 febbraio 2019 COMITATO ACQUA PUBBLICA AREZZO

Learn more »
Commenti disabilitati su IL TAR NON ENTRA NEL MERITO E RESPINGE IL NOSTRO RICORSO CONTRO I RIMBORSI

Replica all’assessore Sacchetti

Contrariamente a quanto asserito dall’Assessore alle Nuove Acque Marco Sacchetti nel servizio pubblicato  ieri  su Arezzo Notizie e rilanciato  anche da Teletruria, noi non siamo affatto avvezzi a diffondere dati non veritieri e  ci teniamo a ribadire che il costo della bolletta annua per una utenza domestica aretina  che consuma 190 mc di acqua ammonta a 716,00 euro : il costo più alto pagato in Toscana.

Ci preme anche far notare all’Assessore Sacchetti , casomai non lo sapesse, che ad Arezzo su tale livello di consumi (e anche superiori) si collocano oltre 5.000 utenze domestiche  e, si fidi, non si tratta di famiglie sprecone . E’ soltanto che sono composte da 4 o più componenti, che l’acqua la bevono e la utilizzano ogni giorno  per i propri servizi igienici , per lavarsi , per cucinare, per fare il bucato, per lavare le stoviglie  e  tenere pulita la casa.

Precisiamo inoltre che il dato relativo al consumo di 190 mc/anno ,  da noi preso ad esempio per mettere a confronto le bollette delle città toscane, non è necessariamente  riferito al consumo di una famiglia con 3 componenti. Questo abbinamento se lo è inventato l’Assessore Sacchetti al quale è però sfuggito che nel volantino da noi diffuso,  in bella evidenza ,sopra la classifica, c’è disegnata una famiglia di 4 persone.

Sappiamo bene che ad Arezzo  nuclei di 3 persone che consumano 150 mc  pagano bollette per 483,00 euro l’anno. Meno, è vero,  di quanto si paga a Pisa, a Siena, a Grosseto e a Livorno, ma  più di quanto pagano a Firenze, a Prato, a Pistoia, a Massa, a  Carrara e  a Lucca.

Già che ci siamo però, considerato che l’Assessore, ansioso di poterci smentire,  si è rivolto all’Autorità Idrica Toscana  per chiedere lumi su costi , bollette e consumi, lo invitiamo a fare un ulteriore sforzo e ritornare da quelli dell’AIT, per avere  spiegazioni sulla mancata erogazione da parte di Nuove Acque del bonus sociale idrico 2018 agli utenti che ne hanno titolo . E già che c’è chieda lumi anche su un’altra deficienza da addebitare al gestore: la mancata applicazione , per l’anno 2018, della tariffa agevolata  fino a 55 mc/anno (anziché fino a 30) a tutte le utenze domestiche residenti , come dispone la normativa nazionale.

Poi ci faccia sapere gli esiti avuti con un’altra intervista o, se gradisce, con una bella conferenza stampa pubblica .

Per quanto alla bontà dell’acqua di Arezzo, niente da obiettare ma ricordiamoci che lo dobbiamo soprattutto alla qualità dell’acqua che, fin dal lontano 1997, viene prelevata   dall’invaso del Tevere e portata ad Arezzo attraverso una condotta e un potabilizzatore realizzati con soldi pubblici, cioè a spese dei cittadini.

 

lì, 30 gennaio 2018                           Comitato Acqua Pubblica Arezzo

Learn more »
Commenti disabilitati su Replica all’assessore Sacchetti
Commenti disabilitati su il patto del cisternone!
Commenti disabilitati su L’acqua pubblica senza profitto è un diritto

Sindacati contro l’acqua pubblica?

Il Comitato Acqua Pubblica di Arezzo giudica assolutamente sproporzionato da parte dei sindacati manifestare la propria non condivisione del testo di una Proposta di Legge in discussione presso la Commissione Ambiente  della Camera  con  la proclamazione di uno sciopero.

E’ noto che nelle agende delle Commissioni parlamentari solitamente trovano posto numerose sedute dedicate alle audizioni dei diversi soggetti interessati non solo a stroncare o  a caldeggiare la proposta legislativa in discussione , ma anche di coloro che intendessero suggerire modifiche ritenute necessarie a correggerla o a colmarne eventuali mancanze.

E’ fuor di dubbio che la PdL Daga rappresenti finalmente la risposta della politica alla domanda di rispetto dell’esito dei referendum sull’acqua del giugno 2011 finora elusa .

Se i Sindacati preferiscono  una ripubblicizzazione del servizio idrico integrato da perseguire con “gestione diretta mediante società interamente pubbliche” anzichè  con la  “gestione  diretta mediante  aziende speciali”  basta che lo dicano , con i mezzi di cui dispongono e in tutte le sedi opportune,.

Peraltro ambedue le opzioni sono contenute nel testo della PdL in discussione. E anche nel caso in cui in sede parlamentare prevalesse la scelta per la gestione mediante  aziende speciali nel testo è comunque prevista una fase transitoria  per consentire la trasformazione delle attuali aziende di gestione da Società per Azioni ad Aziende Speciali . E comunque, sia nelle audizioni in  Commissione Ambiente che durante la discussione in Aula può essere sicuramente proposta e inserita una  norma di “salvaguardia” dei livelli occupazionali che disciplini in fatto di trasferimento dei lavoratori nelle trasformazioni da società di capitali ad enti di diritto pubblico.

Trovo totalmente pretestuoso e fuori luogo  l’accostamento fatto dai sindacati tra la lotta contro l’art 177 del codice appalti e la proposta di legge Daga, dato che il primo spinge per la concorrenza e la seconda fa uscire il servizio idrico dalla concorrenza.

E comunque l’art. 12 del codice degli appalti prevede l’esclusione delle concessioni del servizio idrico dall’applicazione del codice stesso. L’ art. 177 , inserito nella parte terza del codice , ovvero la parte sui contratti di concessione, non si applica al servizio idrico.

Di ciò si può agevolmente trovare conferma nelle linee guida ANAC n. 11 proprio dedicate all’ambito di applicazione dell’art. 177, di cui riporto il link ( il documento è breve):

https://www.anticorruzione.it/portal/public/classic/AttivitaAutorita/AttiDellAutorita/_Atto?id=f0a203560a7780424784627a21b1981f

Quindi, a maggior ragione, l’accostamento fatto dai sindacati tra i due temi è del tutto pretestuoso e fuorviante.

Oltretutto ieri il Consiglio dei Ministri ha deciso di bloccare le modifiche al codice degli appalti che tanto preoccupano i sindacati ed è ormai chiaro che  chi liberamente volesse scioperare il 17 dicembre lo farà per dire NO  alla proposta di legge sull’acqua pubblica tesa a rispettare l’esito dei due referendum del giugno 2011, ovvero la volontà popolare.

L’atteggiamento dei sindacati ci porta a pensare che si vogliano usare i Lavoratori per equilibri congressuali e magari accattivarsi sempre maggiori simpatie delle parti datoriali.

13 dicembre 2018                          per il    Comitato Acqua Pubblica Arezzo  gianfranco morini

Learn more »
Commenti disabilitati su Sindacati contro l’acqua pubblica?