“Diamo valore all’acqua” GIORNATA MONDIALE DELL’ACQUA 2021 (comunicato stampa)

“Diamo valore all’acqua” GIORNATA MONDIALE DELL’ACQUA 2021 (comunicato stampa)
Commenti disabilitati su “Diamo valore all’acqua” GIORNATA MONDIALE DELL’ACQUA 2021 (comunicato stampa)

E’ questo il tema con cui le Nazioni Unite hanno deciso di caratterizzare la GIORNATA MONDIALE DELL’ACQUA 2021 . Un proposito che riteniamo indispensabile per stimolare tutti a ridurre lo spreco di acqua e che condividiamo pienamente seppur consapevoli che possa essere interpretato in maniera strumentale da parte delle lobby economico-finanziarie che sono invece più interessate al progressivo sviluppo dei processi di mercificazione e finanziarizzazione dell’acqua.

Al contrario è necessario considerare i beni comuni, a partire dall’acqua , come un valore fondante delle comunità e della società senza i quali ogni legame sociale diviene contratto privatistico e la solitudine competitiva l’unico orizzonte individuale. Il 2020 , già annus horribilis per la grave emergenza sanitaria, si è chiuso con un fatto molto preoccupante: l’acqua , come una qualsiasi altra merce, da dicembre è scambiata nel mercato dei “futures” della borsa di Wall Street .

Sottoporre l’acqua, il bene comune naturale più prezioso, alla speculazione finanziaria apre a scenari che inevitabilmente porteranno all’emarginazione di territori, popolazioni, piccoli agricoltori e piccole imprese.

Per questo oggi più che mai è necessaria una radicale inversione di tendenza ed è sempre più importante riaffermare il valore paradigmatico dell’acqua come bene comune, ribadendo che: l’acqua è un diritto umano universale inalienabile al pari del diritto alla vita ed è la risorsa fondamentale per l’equilibrio degli ecosistemi; l’acqua è un obiettivo strategico mondiale di scontro con il sistema capitalistico-finanziario; la gestione pubblica e partecipativa delle comunità locali è un modello sociale alternativo; è necessario giungere ad un sistema di finanziamento basato sulla fiscalità generale e su di un meccanismo tariffario equo, non volto al profitto e che garantisca gli investimenti. Il futuro dell’acqua non è in Borsa!

E’ dunque necessario un approccio innovativo volto alla tutela, alla difesa e alla “cura” dei beni comuni , dell’acqua e dell’ambiente che si dovrebbe basare sulla partecipazione diretta delle comunità territoriali alle decisioni , in quanto esercizi di democrazia fondamentali per orientare le politiche di sviluppo locale sostenibile e costruire scenari di giustizia sociale ed ambientale.

Comitato Acqua Pubblica Arezzo, ACLI e ARCI , in occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua di lunedì 22 marzo 2021, avvieranno una raccolta di firme a sostegno di una petizione popolare volta a far sì che nello Statuto del Comune venga introdotto il riconoscimento del diritto umano all’acqua, ossia l’accesso all’acqua e ai servizi igienico-sanitari come diritto umano universale e lo status dell’acqua come bene comune pubblico la cui proprietà e gestione siano pubbliche e inalienabili.

Gianfranco Morini -Presidente del Comitato Acqua Pubblica di Arezzo

Luigi Scatizzi – Presidente ACLI della Provincia di Arezzo

Federica Ettori – Presidente ARCI provincia di Arezzo